News > Eridano Consigli di Coltivazione

Eridano Consigli di Coltivazione: Il Cetriolo

IL CETRIOLO: Scheda tecnica di coltivazione

 

Nome scientifico: Cucumis sativus

Famiglia: Cucurbitacee

Terreno ideale: leggero, sciolto, drenante

pH ideale: da 5,5 a 7

Preparazione del terreno: aratura o vangatura a 20 cm

Quando trapiantare: temperature minime esterne di 15 °C, altezza minima pianta 20 cm

Sesto d'impianto: 40 – 50 cm tra le piante e circa 100 cm tra le file

Mantenimento: legatura degli steli quando necessario; sarchiatura

Consociazioni Consigliate: aglio, porri, cipolla, rape, piselli, fagioli, finocchi, basilico, broccolo, cavolfiore, spinaci

Sconsigliate: patate, zucche, angurie, pomodori

Irrigazione: abbondante, il terreno deve risultare spesso umido senza creare ristagni idrici

Coltivazione in vaso: Consigliata, buona produzione

Rotazione culturale: successivamente si possono coltivare porri, aglio, cipolle e leguminose

Concimazione: abbondante, con letame maturo circa 6 kg al m2, o 0,6 kg al m2 con stallatico pellettato. Ottima anche della cenere di legna per favorire l’apporto di potassio

Clima ideale: temperato caldo

Esposizione solare: pieno sole, poco ombroso

Sostegni: facoltativi, consigliati. Ottimo se si dispone di una rete. Tuttavia la pianta di cetriolo può anche strisciare

Avversità principali: mosaico del cetriolo, muffa grigia, pitium, verticillium

Insetti e parassiti: afidi, ragnetto rosso, mosche bianche

Quando raccogliere: lunghezza media del frutto di 15 – 20 cm; più si raccoglie e più la pianta è stimolata a produrre nuovi frutti.

Conservazione: una settimana in luogo asciutto e fresco

APPROFONDIMENTI di Coltivazione

 

Facendo arrampicare questo ortaggio su appositi tutori verticali si riduce lo spazio d’ingombro necessario per il completo sviluppo della pianta. Così facendo è possibile recuperare terreno prezioso per sviluppare altre colture, specialmente in caso non si disponga di un orto eccessivamente grande.

Solitamente, per gestire la coltivazione del cetriolo in verticale, e favorire lo sviluppo di fiori, si pota il fusto principale appena sopra la quinta foglia. Così facendo, la pianta convoglierà tutte le sue energie nei rami laterali, sviluppando un numero maggiore di fiori e quindi migliorando la produttività.